Allungamento di corona clinica a scopo preprotesico - 1

 

Paziente maschio di anni 45 con infiltrazione cariosa sotto una grossa otturazione in amalgama sul secondo premolare superiore dx e contestuale recessione del margine gengivale vestibolare del primo premolare portatore di una vecchia corona metallo-ceramica sostenuta da un moncone ricostruito con vite endocanalare. Ci richiedeva oltre ad una solzuzione clinica del problema anche un miglioramento estetico. La situazione apparsa al momento della rimozione della corona ha evidenziato la necessità di eseguire un intervento preprotesico di chirurgia parodontale di allungamento di corona clinica allo scopo di riportare i margini delle nuove corone in posizione corretta rispetto all'osso di supporto. il caso è stato poi finalizzato con due corone in zirconia-ceramica.

Situazione iniziale - rx endorale - si noti la presenza di una vistosa vite ritenitiva all'interno della radice palatale del primo premolare, nonchè la grossa otturazione in amalgama non più congrua sul secondo premolare
Situazione iniziale - rx endorale - si noti la presenza di una vistosa vite ritenitiva all'interno della radice palatale del primo premolare, nonchè la grossa otturazione in amalgama non più congrua sul secondo premolare
Situazione iniziale - visione laterale - si noti la recessione gengivale sul dente con la vecchia corona metallo-ceramica e l'evidente infiltrazione a carico dell'elemento otturato
Situazione iniziale - visione laterale - si noti la recessione gengivale sul dente con la vecchia corona metallo-ceramica e l'evidente infiltrazione a carico dell'elemento otturato
Si inizia il caso eseguendo su richiesta del paziente che lo sentiva dolorante il trattamento endodontico del secondo premolare
Si inizia il caso eseguendo su richiesta del paziente che lo sentiva dolorante il trattamento endodontico del secondo premolare
Si passa poi a trattare il primo premolare e dopo la rimozione della vechhia corona protesica si può notare ciò che resta del moncone sottostante ricostruito in amalgama su una vite ancorata all'interno del canale radicolare della radice palatina
Si passa poi a trattare il primo premolare e dopo la rimozione della vechhia corona protesica si può notare ciò che resta del moncone sottostante ricostruito in amalgama su una vite ancorata all'interno del canale radicolare della radice palatina
Appena rimossa una parte dell'amalgama si comincia a scoprire la testa della vite di tenuta
Appena rimossa una parte dell'amalgama si comincia a scoprire la testa della vite di tenuta
La vite è stata rimossa - la sostanza dentale residua di questo premolare è posizionata marcatamente sottogengiva
La vite è stata rimossa - la sostanza dentale residua di questo premolare è posizionata marcatamente sottogengiva
La vite che si trovava nella radice palatale - si noti il grado dei processi di ossidazione e di contamenazione batterica
La vite che si trovava nella radice palatale - si noti il grado dei processi di ossidazione e di contamenazione batterica
L'aliminazione di tutto il tessuto cariato ha portato i margini residui ad un livello sottogengivale incompatibile con il rispetto della cosiddetta ampiezza biologica : si rende pertanto necessario un intervento di chirurgia parodontale risolutivo
L'aliminazione di tutto il tessuto cariato ha portato i margini residui ad un livello sottogengivale incompatibile con il rispetto della cosiddetta ampiezza biologica : si rende pertanto necessario un intervento di chirurgia parodontale risolutivo
Intervento parodontale - lembo a riposizionamento apicale - la sutura
Intervento parodontale - lembo a riposizionamento apicale - la sutura
La guarigione dei tessuti a due mesi dall'intervento
La guarigione dei tessuti a due mesi dall'intervento
La guarigione dei tessuti dopo l'intervento di allungamento di corona clinica mostra i margini delle nuove preparazioni protesiche posizionati oltre le nuove ricostruzioni dei monconi e ad un livello compatibile con il rispetto dell'ampiezza biologica
La guarigione dei tessuti dopo l'intervento di allungamento di corona clinica mostra i margini delle nuove preparazioni protesiche posizionati oltre le nuove ricostruzioni dei monconi e ad un livello compatibile con il rispetto dell'ampiezza biologica
A tre mesi dall'intervento parodontale la maturazione dei tessuti appare raggiunta - si noti ancora di più la quota di tesuto dentale sano riportata fuori gengiva -
A tre mesi dall'intervento parodontale la maturazione dei tessuti appare raggiunta - si noti ancora di più la quota di tesuto dentale sano riportata fuori gengiva -
I provvisori sgusciati preparati in laboratorio sono stati ribasati, rifiniti, lucidati e cementati singolarmente sui due denti preparati - a distanza di 15 giorni i tessuti gengivali marginali appaiono sani: si può procedere alla presa delle impronte
I provvisori sgusciati preparati in laboratorio sono stati ribasati, rifiniti, lucidati e cementati singolarmente sui due denti preparati - a distanza di 15 giorni i tessuti gengivali marginali appaiono sani: si può procedere alla presa delle impronte
Caso terminato - visione laterale - sono state confezionate ed applicate due corone singole in zirconia-ceramica : tra un dente e l'altro con il tempo ricrescerà una nuova papilla gengivale migliorando ulteriormente il risultato estetico
Caso terminato - visione laterale - sono state confezionate ed applicate due corone singole in zirconia-ceramica : tra un dente e l'altro con il tempo ricrescerà una nuova papilla gengivale migliorando ulteriormente il risultato estetico
Caso terminato - visione occlusale - l'integrazione con i denti contigui ed i tessuti circostanti appare soddisfacente
Caso terminato - visione occlusale - l'integrazione con i denti contigui ed i tessuti circostanti appare soddisfacente
Rx endorale di controllo al momento dell'applicazione - si noti la precisione dei margini di chiusura protesici dati dalla tecnologia cad-cam con cui sono state eseguite le due corone in zirconia-ceramica ed il loro corretto nuovo posizionamento
Rx endorale di controllo al momento dell'applicazione - si noti la precisione dei margini di chiusura protesici dati dalla tecnologia cad-cam con cui sono state eseguite le due corone in zirconia-ceramica ed il loro corretto nuovo posizionamento
Prima...
Prima...
...dopo
...dopo
Il controllo ad 1 anno - si noti la maturazione delle papille -
Il controllo ad 1 anno - si noti la maturazione delle papille -
 

Informazioni di contatto

Indirizzo: STUDIO DENTISTICO STEFANELLI srl

 Botrugno (LE) 73020

Via Roma n.28


 

cookie policy

Login amministrazione

Contatti






Sede Legale: STUDIO DENTISTICO STEFANELLI srl - via Roma n.28 Botrugno 73020 (Lecce).
Tel: 0836 993474 | E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
P.IVA 04220880753

Copyright (c) Studio Dentistico Stefanelli 2013. All rights reserved.